mercoledì 26 settembre 2007

L'ultimo post

Un post recente del mio amico Dario (http://dariodangelo.blogspot.com/2007/09/bloggando-blogger-che-muore-non-va-in.html#links) che a sua volta trascriveva un post di MaestroAlberto (http://www.maestroalberto.it/2007/09/17/blogger-che-muore-non-va-in-paradiso/) mi ha fatto venire in mente questo tema dell’ultimo post. Effettivamente se morissi stanotte o domani o, comunque, prima della prossima volta che mi venga voglia di scrivere, questo sarebbe il mio ultimo post. Sarebbe terribile se contenesse errori o grandi cavolate. Dato che penso che la gente legge sempre il primo post che viene presentato o, se è troppo lungo, le prime righe di esso, tutti coloro che arrivassero sul mio blog e leggessero corbellerie o scemenze, per di più, piene di errori e superficialità varie, mi giudicherebbero solo sulla base di esse. Nessuno saprebbe che sono morto e sepolto, nessuno lascerebbe un commento a mo’ di fiore che non marcisce, nessuno giustificherebbe l’estinto (ai morti si perdona sempre gran parte delle colpe) ma tutti penserebbero che lo stupido che scriveva queste pagine, fortunatamente, ha smesso di aggiornarle. Si, allora, da ora in poi considererò importanti gli ultimi post, che nell’ordine di chi legge sono sempre i primi. Magari di tanto in tanto rimetterò in cima alla lista qualche paginetta a cui sono particolarmente affezionato, sperando di avere la fortuna, se devo proprio morire, di lasciare qualcosa di accettabile quale mio necrologio virtuale.

3 commenti:

Dario D'Angelo ha detto...

Non barare :-))

Il cane di Jack ha detto...

Nemmeno qualche piccola astuzia, di tanto in tanto? :-)

Il cane di Jack ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.