domenica 20 aprile 2008

(Repost) La logica fuzzy: veleggiare a oriente

Ma chi ha detto che per conoscere la realtà dobbiamo tenere in considerazione solo gli estremi opposti? "Epimenede, il cretese, dice che tutti i cretesi mentono." Egli sta mentendo o sta dicendo la verità? Impossibile determinarlo sulla base della logica dicotomica. O è vero che Epimenede sta dicendo la verità (che tutti i cretesi mentono), o è vero l'opposto e il cretese mente, ma in entrambi i casi l'affermazione di Epimenede nega sé stessa.
Ma se escludiamo questo tipo di logica e guardiamo alla realtà pratica, l'ipotesi che "tutti i cretesi mentono" è avulsa da ogni esperienza ed anzi contraddice la realtà. E molto più probabile infatti che di tutti i cretesi, alcuni mentono e alcuni no. Alcuni mentono solo al mattino e altri solo la sera. Ci sono quelli che mentono solo al padre e quelli che mentono solo alla moglie.
Allora la realtà, com'è evidente, non è fatta solo di bianco e di nero, ma ha anche i colori con tutte le loro infinite le sfumature.
Se io affermo di mentire non dico una completa menzogna ma nemmeno una completa verità. Si può dire che sto affermando una mezza verità, o una verità diviso due. Questa concezione, è stata formalizzata in senso logico-matematico, da pensatori come Bart Kosko. Ancora: nella logica occidentale un elemento può appartenere o meno a un insieme. Nella logica fuzzy, può appartenervi in una certa misura. Per esempio un diciottenne può appartenere all'insieme degli adulti, ma in misura molto minore di un quarantenne.
Se poi traduciamo queste caratteristiche della logica fuzzy in termini numerici, se un evento si verifica possiamo attribuirgli un valore uno e, se no, un valore zero. Se sei vecchio il valore è uno, se non lo sei, il valore è zero. Ma nella realtà qual'è il valore numerico in cui possiamo tradurre un quarantenne: zero, uno? Per la logica fuzzy sarebbe zero virgola cinque (o giù di lì).
Ho letto anche stasera che l'esistenza di valori intermedi è un punto critico di differenza tra questo tipo di logica e quella probabilistica. Anche nel calcolo delle probabilità, come nella logica classica, i valori che può assumere un evento (quando si verifica) sono soltanto zero e uno. Per fare un esempio, se diciamo che una mela ha il sessanta per cento di possibilità di cadere ci riferiamo a un evento che avverrà o non avverrà e quindi, nel momento dell'accadimento o del non accadimento tutto si ridurrà a zero e uno. Se invece ci chiediamo se una mela è matura o acerba non possiamo applicare lo stesso tipo di ragionamento: essa può essere acerba e matura allo stesso tempo, in percentuali variabili con il trascorrere del tempo.

P.S.
Come avevo già detto, questo post è solo uno spunto, ma sapere che una cosa esiste è già meglio di niente. Come potrebbe insegnare la logica fuzzy, noi apparteniamo all'insieme di coloro che la conoscono, ma in grado estremamente ridotto (zero virgola uno?)
Post correlati:
gatti indeterminati e paradossi
meccanica quantistica e vivisezione


P.S. In mancanza di meglio, riposto delle cose che mi sono sembrate particolarmente interessanti negli ultimi mesi: in particolare questa logica fuzzy, mi sembra una buona idea, molto più adeguata alla realtà in cui viviamo della logica aristotelica (come un abito umile, ma su misura, viene indossato meglio di uno di grande qualità ma della misura sbagliata)

5 commenti:

nonsoloattimi ha detto...

Oddio... mi sento un po confusa ma... sarà vero o falso?... mentre leggevo credevo di capire... in fondo è un po come mi hanno insegnato l'inglese... non pensare in italiano quando lo parli... è un po cosi anche con questo post, sono certa che leggendolo l'ho assimilato incosciamente ma non riuscirei a spiegarlo...
;)
Claudia

Il cane di Jack ha detto...

Non ti preoccupare: io dico sempre ca@@ate! Sarà vero o sarà falso o è un altro paradosso? :-)

nonsoloattimi ha detto...

se tutti dicessero c...te come te, non ci sarebbero in giro tanti stupidi!un bacio

Marcello ha detto...

Ciao stasera è sabato e non ho niente da fare (non sono uno sfigato solo che nin ho voglia di uscire). Così è una mezz'oretta fuzzy che mi sto documentando su questa teoria. Mi pare interessante e mi sembra che faccia scopa con altri concetti strani come "percentuale di esistenza di un elettrone in una certa porzione di spazio". Continuo il mio giro e forse ci risentiamo

Il cane di Jack ha detto...

Ciao Marcello e grazie di essere passato. Come avrai capito dal resto del blog, io non sono un esperto, ma solo un curiosone.
Ciao.
I.