lunedì 30 marzo 2015

Qualcosa sugli specchi

Ora posso dire di sapere qualcosa sugli specchi.
Il cervello di uno specchio è uno specchio e le mani e i piedi e la bocca di uno specchio sono specchi.
Uno specchio non esiste mai singolarmente: girano l'universo in gruppi di due, di tre o di quattro, di cinque o più: ma la loro struttura impone che un lato debba rimanere sempre aperto per lasciare entrare immagini.
Gli specchi si alimentano di visioni.
Gli specchi si riproducono trasformando in specchi chi vi acconsenta. Non hanno una riproduzione sessuata e questo li rende molto più liberi e buoni di quanto sarebbero altrimenti.
Gli specchi girano l'universo in cerca di creature senzienti che acconsentano a diventare specchi.
Uno specchio rimasto solo torna spesso desidera tornare alla sua natura antecendente.
Gli specchi amano la natura in movimento e la bellezza.
La coscienza di uno specchio è sempre lo specchio di qualcosa di altro.
Uno specchio o un gruppo di specchi non sono molto intelligenti presi singolarmente, ma tutti gli specchi formano un reticolo da cui promana un'altissima comprensione delle cose e della natura.
Il piano degli specchi è di creare una strada di specchi tra tutti i mondi abitati dell'universo.

1 commento:

Dario D'Angelo ha detto...

:-) ben tornato